The Stuttering Tattoo by Greg Logsted

Titolo: The Stuttering Tattoo
Autore: Greg Logsted

Data di pubblicazione: 13 Dicembre 2011
Casa Editrice:  TKA Distribution
Pagine: ebook

Genere: Young Adult, Crime

Grazie a Netgalley per avermi fornito una copia di questo libro in cambio di una mia onesta opinione.

The Stuttering Tattooracconta la storia di Steven, un ragazzo con problemi di balbuzie, piuttosto taciturno, ma molto intelligente. Un giorno, nella sua classe, arriva una nuova ragazza, Becky, e Steven si innamora a prima vista di lei. L’interesse pare reciproco, ma dopo averle offerto un passaggio a casa e aver scoperto un braccio mozzato nel giardino della ragazza, la situazione si complica. Cosa significa quel tatuaggio con il numero 37 sul braccio che hanno ritrovato? Di chi è quel braccio? Ma soprattutto, perché Steven ha l’impressione che Becky non sia più la stessa?
The Stuttering Tattooè un libro abbastanza coinvolgente. E’ raccontato in prima persona da Steven, quindi è affascinante vedere il mondo attraverso gli occhi di un ragazzo. L’aspetto misterioso dell’indagine messa in atto da Steven coinvolge al punto giusto e cattura l’interesse. Ho trovato piuttosto difficile affezionarmi o comunque interessarmi alla ragazza, Becky, che appare di sfuggita senza lasciare segno. Appare così poco nella storia che ho come l’impressione di non riuscire a conoscerla veramente.
Non mentirò: in certe parti ho fatto davvero difficoltà nel proseguire la lettura. Questo è un libro particolare, Steven è un personaggio interessante, ma manca come una scintillache gli faccia fare il salto di qualità. Credo sia uno di quei casi o si ama o si odia. Consiglio di prenderlo in prestito in libreria piuttosto che comprarlo per farsi un’opinione.

Il Suggeritore di Donato Carrisi

Titolo: Il Suggeritore
Autore: Donato Carrisi

Data di pubblicazione: 1 Gennaio 2009
Casa Editrice: Longanesi
Pagine: 462

Genere: Crime, Mistery

C’è da dire che parto prevenuta. I gialli, i thriller, quelli seri per me ormai vengono tutti dai paesi scandinavi quindi quando ho iniziato a sentir parlare de Il Suggeritore ammetto di aver un po’ storto il naso. Poi hanno iniziato a consigliarmelo persone che di solito non leggono. Mai. E allora mi son detta: che valga la pena leggerlo? Infine a Natale me l’hanno regalo e l’ho visto come un segno. È destino che io legga questo libro. E l’ho letto.

Carrisi ha scritto un bel libro, affascinante, intrigante al punto giusto tanto da farti rimanere sveglio per leggere ‘solo un altro capitolo’ perché quel cliffanger messo lì così non ti dà pace. E devo ammettere che il libro è costruito bene, tutto fila alla perfezione, ha una sua logica, un suo perché, solo che alla fine manca qualcosa. Che cosa? Non lo saprei dire con precisione, ma dopo un libro costruito in quel modo avere un finale di quel tipo, ti fa davvero venir voglia di dire “Beh, e ora?”

Per il resto il libro si legge che è un vero piacere anche se a volte ci sono degli ‘spiegoni’ riguardo i comportamenti criminali che per un attimo mi è sembrato di tornare a lezione di criminologia, ma in fin dei conti è una cosa che si può perdonare. La protagonista femminile, Mila, mi ha ricordato per certi versi la Lisbeth Salander di Stieg Larsson. Gli altri personaggi sono ben costruiti e interessanti ognuno a modo suo.

In conclusione, è un libro che si lascia leggere bene, interessante e coinvolgente. Un ottimo giallo per gli amanti del genere.

The Girl In The Park di Mariah Fredericks

Title: The Girl In The Park

Author: Mariah Fredericks
Release Date: April 24, 2012
Publisher: Random House Children’s Books
Pages: 224
Genre: Young Adult, Crime, Mistery

GR Synopsis: When Wendy Geller’s body is found in Central Park after the night of a rager, newspaper headlines scream,”Death in the Park: Party Girl Found Strangled.” But shy Rain, once Wendy’s best friend, knows there was more to Wendy than just “party girl.” As she struggles to separate the friend she knew from the tangle of gossip and headlines, Rain becomes determined to discover the truth about the murder. Written in a voice at once immediate, riveting, and utterly convincing, Mariah Frederick’s mystery brilliantly exposes the cracks in this exclusive New York City world and the teenagers that move within it.

This ARC was provided to me through netgalley.com in exchange for this fair and unbiased review. 

Rain Donovan is a shy, insecure girl, one who “lives in her head” so to speak. A condition at birth made her cautious and observant about the world around her. Wendy, however, with her zest for life and carefree attitude, she was the right counter-party for Rain, until time and life made them slip away from each other. One Sunday morning, Wendy’s mother called Rain and asks her about her daughter. Rain said she saw her for the last time at a party the previous night, but she doesn’t know anything else. The conversation ends, but now the feeling that something bad happened to Wendy does not abandon Rain. The reality is in fact the worst: Wendy’s body was found in Central Park. Rain now is set to found the killer of her former best friend.

Before reading of “The Girl In The Park” I had never read anything about this writer. I was quite surprised, then, to discover that this is her first book of such genre. Her writing is simple, but effective. The pace of the narrative, marked in days rather than chapters, keeps alive the tension surrounding the murder of Wendy. The dialogues are not just functional to the story, the solution of the mystery, but they provide a complex picture, at times disturbing, of the machinations, the secrets and mysteries within an exclusive New York school.

One element that I much enjoyed about this book is the fact that, even if I had my main suspect from the beginning, the author was able to maintain that aura of ambiguity and possibility right to the end. The author has made sure that I doubted myself and my suspects more than once and this is a skill not common for those new to write this kind of book for the first time.

In conclusion, this book has exceeded my expectations. It captured and involved me. I recommend it to fans of the genre: it will be very difficult not to read it at once!