Hysteria

Titolo: Hysteria

Regista: Tanya Wexler
Sceneggiatura: Jonah Lisa, Dyer Stephen, Dyer Howard Gensler
Anno di uscita: 2011
Distribuito da:BIM Distribuzione

Genere: Commedia, Romantico

Interpreti principali: Maggie Gyllenhaal, Hugh Dancy, Jonathan Pryce, Felicity Jones e Rupert Everett

Trama: 1880. Nella pudica Londra vittoriana, il brillante giovane dottore Mortimer Granville (Hugh Dancy) è in cerca di un nuovo lavoro. Lo trova presso il Dottor Dalrymple (Jonathan Pryce), specializzato nel trattamento dei casi di isteria, i cui angoscianti sintomi nelle donne includono pianto, malinconia, irritabilità, rabbia. Dalrymple è convinto che la causa del malanno sia anche la repressione sessuale imperante in quell’epoca, e cura le “isteriche” con una terapia scandalosamente efficace: il “massaggio manuale” sotto le gonne delle sue pazienti. Il dottore, però, deve lottare contro la fiera disapprovazione della figlia Charlotte (Maggie Gyllenhaal), sostenitrice dei diritti delle donne più deboli. Mortimer decide di affinare il metodo terapeutico: quando il suo lungimirante amico Edmund (Rupert Everett) gli rivela il progetto del suo nuovo spolverino elettrico, gli viene in mente un’idea irresistibile. L’effetto sarà dare nuova linfa alla sua pratica medica, provocando nelle sue pazienti sensazioni forti. Storia vera e commedia romantica sulla creazione del vibratore.

Trailer: http://www.youtube.com/watch?v=4FWReqkTWfA

Grazie al 6° Festival Internazionale del Film di Roma, ho potuto vedere questo film in anteprima.

E’ stata la mia leggera cotta per Hugh Dancy, a farmi scegliere questo film. Questo, e la storia del vibratore. Ammetto che le mie aspettative, quindi, non erano alte, neanche dopo aver visto il trailer.

Doveva essere la solita commedia romantica, con quel tocco in più dato dalla provocazione del vibratore e ambientato a fine ‘800. Ma sono rimasta piacevolmente sopresa.

Divertente, vivace, ricco di quell’umorismo british che io tanto adoro, questo film mi ha veramente catturata. I dialoghi sono brillanti (chissà quanto di questo resterà una volta che il film verrà doppiato?), gli attori perfetti per i loro ruoli, specie i comprimari. Rupert Everett, tra tutti, brilla di luce propria. E’ lui quello che come entra in scena cattura lo sguardo e il cuore del pubblico. Sarà stato il suo personaggio, sarà stata la sua bravura, ma gli faccio davvero i complimenti!

E’ un film che consiglio a tutti di vedere. Nonostante l’argomento, il film non è per niente volgare, anzi, il tutto è trattato con molta grazia ed è giocato su battute e ammiccamenti. Vi consiglio inoltre di rimanere a vedere i titoli di coda: vi aspetta una lezione di “storia” piuttosto interessante!

Voto: Great!

Epic Fail di Claire LaZebnik

Titolo: Epic Fail

Autore: Claire LaZebnik
Data di pubblicazione:
  Agosto 2, 2011 (Non ancora edito in Italia)
Casa Editrice: Harper Teen
Pagine: 295
Genere: Young Adult, Romance, Chick Lit

Fa parte di una serie? No.

Trama GR: Will Elise’s love life be an epic win or an epic fail?
At Coral Tree Prep in Los Angeles, who your parents are can make or break you. Case in point:
As the son of Hollywood royalty, Derek Edwards is pretty much prince of the school—not that he deigns to acknowledge many of his loyal subjects.
As the daughter of the new principal, Elise Benton isn’t exactly on everyone’s must-sit-next-to-at-lunch list.
When Elise’s beautiful sister catches the eye of the prince’s best friend, Elise gets to spend a lot of time with Derek, making her the envy of every girl on campus. Except she refuses to fall for any of his rare smiles and instead warms up to his enemy, the surprisingly charming social outcast Webster Grant. But in this hilarious tale of fitting in and flirting, not all snubs are undeserved, not all celebrity brats are bratty, and pride and prejudice can get in the way of true love for only so long.

Premessa: Orgoglio e Pregiudizio è uno dei miei libri preferiti, se non IL mio libro preferito in assoluto.

Detto questo, posso proseguire dicendo che Claire LaZebnik ha scritto un libro adorabile, veramente adorabile. Una perfetta riscrittura in chiave moderna di O&P

Dal punto di vista della trama, quindi, nessuna novità: solite incomprensioni, una coppia destinata fin dall’inizio (Juliana e Chase) e un’altra che dopo un po’ arriva a comprendersi (Elise e Derek), una sorellina minore rompiscatole e combinaguai. Niente di nuovo, quindi. 

La novità si trova nell’ambientazione (una scuola d’elitè a Hollywood), nel tono usato dalla LaZebnik per narrare la sua storia (ho seriamente adorato alcune delle battutine di Elise e di Derek nel corso della lettura) e da alcuni leggeri cambiamenti nella trama che hanno mantenuto vivo l’interesse nella lettura (perchè, insomma, rileggere una letterale riscrittura di O&P dopo un po’ arriva a stancare anche i fan più accaniti!).

Alcune pecche:

  • certi personaggi sembrano essere stati inseriti soltanto perchè presenti in O&P (vedi la cugina di Elise, ossia Charlotte, e l’apparizione fugace di Georgia, la sorella di Derek, ossia Georgiana);
  • la storia tra i due protagonisti avrebbe beneficiato di un altro paio di scene dedicate allo sviluppo della loro relazione – a mio parere, ovvio;
  • non mi ha convinto del tutto la fine: mi è sembrata un po’ affrettata, non del tutto conclusiva. Molte cose sono rimaste in sospeso, non sono state del tutto spiegate o concluse nella maniera migliore o più soddisfacente. Ho perfino controllato online se questo non fosse il primo di una serie di libri, ma finora nessuna novità.

Per concludere, consiglio questo libro a chi vuole una lettura leggera, rilassante e anche un pò divertente. Ah, beh, ovviamente romantica! Certo, se non vi è piaciuto Orgoglio e pregiudizio questo libro non fa per voi, se invece volete passare qualche ora spensierata e siete disposte a leggere qualsiasi cosa che anche solo lontamente lo ricordi, allora è tutto vostro!


Voto: Great (but…) 
Ho dato 4 stellline su GR, ma dovrebbero essere 3 1/2.


The Hunger Games – Character posters

Sembra proprio fatto apposta! Finisco di leggere “Catching Fire” ed ecco che escono sul web i character posters dal primo film. Che meraviglia! *_*
Sono tutti perfetti, a parte forse… che roba è quel ciuffo biondo, Haymitch?! Lenny Kravitz è perfettissimo! E no, non parlo così perchè sono di parte e lo adoro, ma perchè è la verità!

The Hunger Games – Character posters

Sembra proprio fatto apposta! Finisco di leggere “Catching Fire” ed ecco che escono sul web i character posters dal primo film. Che meraviglia! *_*
Sono tutti perfetti, a parte forse… che roba è quel ciuffo biondo, Haymitch?! Lenny Kravitz è perfettissimo! E no, non parlo così perchè sono di parte e lo adoro, ma perchè è la verità!

Catching Fire: La ragazza di fuoco di Suzanne Collins

Titolo: La ragazza di fuoco (Catching Fire)

Autore: Suzanne Collins
Data di pubblicazione:
Novembre 4, 2010 (1° uscita: Settembre 1, 2009)
Casa Editrice: Mondadori
Pagine: 375
Genere: Young Adult, Fantasy, Science Fiction > Dystopia, Adventure, Romance

Fa parte di una serie? Si. E’ il secondo libro di una trilogia.

Trama GR: Grazie a una minaccia di suicidio, Katniss e Peeta hanno vinto gli Hunger Games sfidando pubblicamente lo Stato. Il loro gesto ribelle scatena la reazione nei 12 distretti di Panem, diventando un simbolo di libertà. Ma il presidente Snow non dimentica e per vendicarsi indice una nuova edizione dei giochi: un torneo in cui a sfidarsi saranno tutti i precedenti vincitori. I protagonisti finiscono così nuovamente nell’arena. E le torture fisiche e psicologiche che hanno già subito non saranno niente in confronto a quello che li aspetta…


Che dire? Ho amato il primo libro della serie. Ho adorato Katniss, Peeta e Haymitch. Ho quasi pianto come una bambina già dalla prima pagina di fronte alla scena della mietitura e della piccola Prim. Questo secondo libro, invece, non mi ha catturato fin dalle prime parole.
Ho trovato il ritmo della narrazione piuttosto lento, specie all’inizio.
Sarà che è trascorso parecchio tempo tra la lettura del primo libro e questo, sarà che quindi ho faticato un pò a immergemi di nuovo in Panem, le sue regole, i suoi problemi… sarà che io il triangolo amoroso in questo libro faccio proprio fatica a mandarlo giù!
Okay, lo ammetto: sono Team Peeta all the way! Niente contro Gale, siamo chiari, ma non appena si smette di parlare di lui e finalmente si entra nell’arena tutto ritorna a farsi interessante, intenso, pieno di azione, insomma di tutto quello che mi ha fatto amare il primo libro.
Parlando dei personaggi… Ho odiato – come tutti, credo – il presidente Snow. Ho amato Johanna fin dalla sua prima entrata in scena. Finnick non mi ha catturata subito, sarà che sono diffidente nei confronti dei bellocci. Katniss è sempre lei e io la adoro. Peeta a volte sembra troppo perfetto per essere vero, ma i suoi discorsi sono una delle cose che amo di più di questa storia, quindi non mi lamento. Haymitch mi ha stupito. Evidentemente mi ero fatta trarre in inganno da come lo vedeva Katniss, quindi potete immaginare la mia sorpresa nella parte finale del libro!
Insomma nonostante qualche appunto sul ritmo e sul triangolo, La ragazza di fuoco è un ottimo “libro di mezzo”, con gli ultimi capitoli e un finale che ti lasciano davvero a bocca aperta e in fremente attesa del seguito. Complimenti alla Collins che, ancora una volta, ha fatto centro.
Ultimo commento finale: Mondadori, ma davvero hai intenzione di farmi aspettare un altro anno prima di pubblicare il terzo libro?! Vuoi davvero costringermi a leggerlo in inglese?! Non voglio rovinare la trilogia, ma dopo un finale del genere (!!!) come puoi pretendere che io me rimanga in attesa?!


Voto: Great!


Joss Whedon’s Much Ado About Nothing

A quando pare Joss Whedon (aka l’uomo dalla mente più geniale in assoluto), non pago di star lavorando su quella meraviglia che si preannuncia essere The Avengers, ha anche trovato il tempo per girare la sua versione di Much Ado About Nothing!

(Come posso ridimensionare le mie aspettative sugli uomini se ne esistono di questo genere?!)

Ovviamente il fandom whedoniano è esploso in grida di gioia alla notizia, anche per via del cast di questo film: Amy Acker e Alexis Denisof su tutti, poi Nathan Fillion, Sean Maher e Tom Lenk per citare i primi che mi vengono in mente. Insomma la solita gang!

Purtroppo non c’è molto altro da aggiungere, dato che Mr. Whedon è stato un pò avaro di dettagli (in tanti, infatti, credevano fosse una bufala!). C’è solo un sito: muchadothemovie.com

A noi non resta che rimanere in attesa…